Delirium

Un portale che recensisce tutto il genere horror nelle sue forme cinematografiche e televisive. Possibilità di partecipare a sondaggi, commentare le recensioni e consultare le schede di IMDb.

Space Vampires

Recensione: Alessandro Cocuzza
Titolo originale: Lifeforce
Lingua originale: Inglese
Anno: 1985
Durata: 116 minuti
Regia: Tobe Hooper
Soggetto: Colin Wilson
Protagonisti principali: Steve Railsback (Colonnello Carlsen), Peter Firth (Colonnello Caine), Frank Finlay (Dottor Fallada), Mathilda May (Space Girl), Patrick Stewart (Dottor Amstrong), Michael Gothard (Dottor Bukovsky)
Colonna sonora

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

voto_mymovies 6 voto_delirium 7,5 voto_imdb 6

Tobe Hooper, uno dei registi più apprezzati e controversi di sempre, ci regalò nel lontano ’85 il bellissimo fanta-horror  “Space Vampires” (Lifeforce), tratto dal romanzo “I Vampiri dello spazio”. Durante il passaggio della cometa di Halley, l’equipaggio dello shuttle Churchill è testimone di una terrificante scoperta, ovvero una immensa astronave aliena dalla bizzarra forma ad “ombrello” nascosta all’interno della coda del corpo celeste. Il Colonnello Carlsen ed i suoi uomini decidono di esplorarne i meandri, simili a nidi o alveari, e vi trovano (chiusi in bare che sembrano di cristallo) tre umanoidi, due maschi ed una femmina, bellissimi e persi nel loro sonno millenario. Con cautela vengono trasportati all’interno del Churchill per essere studiati, e da qui in poi inizia quello che sembra il fuoco dell’Apocalisse Biblica: gli umanoidi si risvegliano e cominciano a nutrirsi non di sangue, ma bensì di energia vitale. Le vittime di questi vampiri alieni diventano delle mummie rinsecchite, pronte a risorgere in cerca di energia vitale a loro volta. In una Londra sotto l’assedio di quella che verrà chiamata “Intergalactic Pest” Carlsen ed un manipolo di uomini cercheranno di arrestare la strage messa in atto dai vampiri, comandati dalla bellissima Space-girl.

Dan O’Bannon crea una sceneggiatura impeccabile per questa piccola gemma della cinematografia, un mix perfetto tra Sci-Fi ed horror. Possiamo trovare citazioni estrapolate da due universi narrativi: Alien e il Dracula di Bram Stocker; il tutto immerso in una Londra cupa e sull’orlo della distruzione. Buona la recitazione degli attori, tra cui troviamo il mitico Patrick Stewart  (Picard in Star Trek e Charles Xavier in X-Men) ed una affascinante Mathilda May nel ruolo della statuaria (e nuda…) Space-Girl.

Ottimi effetti speciali, apprezzabili anche al giorno d’oggi, che spaziano da flussi di energia vitale a zombi che corrono come indemoniati per accaparrarsi la linfa che ne permette l’esistenza e senza la quale esploderebbero in una nube di polvere. La colonna sonora, curata da Henry Mancini, risulta trascinante. Ne consiglio caldamente la visione perché è un film godibilissimo che unisce due generi narrativi facilmente accostabili.

Commenti

Space Vampires

Inserisci commento

Login with:
Powered by Sociable!